23 Cc6! di Ljubojevic ed é subito punto: quando le parole del poeta si elevano insieme a Java ed Eclipse!

Nell’indimenticabile torneo di Bugojno ’86 indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chesscollection?cid=1012088 c’è un dato analizzando la classifica finale che non può essere trascurato, il vincitore si ritrova un bello zero subito da un certo Sokolov. Ma guardando bene che ci fa un giocatore come Ljuboievic in terza posizione? Il fatto é che in quel torneo macinava idee e immaginazione, ad esempio contro Timman ecco cosa riesce a fare http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1092162 da qui la pseudo domanda del titolo: il nero gioca 22..Tg8 pensando di venirne fuori o aveva previsto che cosa sarebbe accaduto alla mossa successiva? Se é un superprofessionista il neofita dira tra se che l’avrà vista per forza questa risorsa ma non puoi ottenere sangue da una pietra, più di tanto quando finisce in posizione inferiore non puoi fare. Quindi 23 Cc6 e il nero finisce in guai grossi. Ma non tergiversiamo e con social media marketing Umbria entriamo nel vivo della programmazione Java grazie al fatto che il lavoro precedente sulla configurazione dell’ IDE ha prodotto buon esito come si evince all’ indirizzo: https://umbriawaydesign.wordpress.com/2018/01/19/cosa-succede-quando-un-giocatore-viene-mortificato-e-di-cognome-fa-mortimer-chiedilo-al-gm-eclipse/; in questa scorribanda formativa o autoformativa vediamo le caratteristiche dell’ IDE, osservando in dettaglio alcune funzionalità. La struttura é quella che si vede barra del titolo, barra dei menù, barra degli strumento, a sx abbiamo la gestione folder progetto al centro troviamo lo spazio per la stesura del codice a dx mi ritrovo la sezione outline e tasklisk che si possono spostare o chiudere con soluzioni flessibili grazie al trascinamento per rendere comoda la struttura personalizzata. In genere la visualizzazione cambia con le diverse modalità del progetto, in gergo vengono chiamate PROSPECTIVE con opzioni di visualizzazione verticale oppure orizzontale. Quello che a noi preme sapere che queste interfaccia visuali consentono sempre una altissima possibilità di personalizzazione e che ci sono sempre diverse soluzioni a un tipo di problema. Esiste anche una modalità di visualizzazione chiamata NAVIGATOR come finestra messa a fianco ad EXPLORER ma molte cose non sono strettamente necessarie. Posso anche impostare la visualizzazione gerarchica sui packages ma spesso queste varianti dipendono dalla soggettività del programmatore. Nella parte inferiore ho una finestra di debug dove cliccando due volte ho anche il dettaglio avanzato che punta al file incriminato. Eclipse di per se é un labirinto stile posizione analizzata sopra, piena di mosse e di contromosse! Il tutto é facile e intuitivo ma le voci di menù sono molteplici e un minimo di smanettamento é auspicabile prima di prendere possesso dello strumento. Posso anche scegliere le modalità di debug dalla barra degli strumenti per esempio, che mi presenta un menù a discesa per le mie esigenze su quale file intervenire. L’editor di codice della finestra principale é davvero potente! E’ ricca di aiuti e suggerimenti per guidare il web developer javista (se ci é consentito dall’ accademia della crusca) per individuare al più presto quello che non funziona e che manca per far funzionare l’accrocchio! Tornando alla questione posta da social media marketing Umbria  all’ inizio, cosa accade quando un agonista non vede una mossa in analisi, ossia quando l’avversario tira fuori dal cilindro dei colpi tattici come quello di Karpov alla mossa 49 all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1068476, certamente queste bordate destabilizzano e oltre a rafforzare la sicurezza del potenziale vincitore come in tutti gli sport, servono a gettare nel panico la mente del secondo giocatore che perderà il bandolo della matassa incapace di trovare delle mosse forti che potrebbero risollevare gli esiti della lotta.

Annunci

Abbiamo il DOVERE di parlare di WEB FORM in PHP e della spettacolare partita di TAL giocata nel 1985 vs Ftacnik!

social media marketing umbriaBasta con i buzzurri giochi di parole che hanno consentito alla Juventus di approdare alla semifinale di Coppa Italia contro il Torino grazie a una partita taroccata per un errore umano al minuto settanta quando quel poveraccio di arbitro DOVERI (candidato a visionare prossimamente tornei di freccette) si permetteva di fare grandi danni a quegli sportivi che non tifano Juventus. Finiamola con questa becera rivendicazione e parliamo delle mosse di Tal lo scacchista. Come possiamo definire la Mikhail Tal vs Lubomir Ftacnik Nimzowitsch Memorial (1985), Naestved DEN, rd 8, Sicilian Defense: Scheveningen. Classical Variation (B84) 1-0 in 31 mosse? Un pestaggio sportivo ? O qualcosa simile a una prestazione sonora dei Nirvana modello Come As You Here? Qualcosa di vero c’è a giudicare l’ultimo parallelismo, le parole del testo esaltato da Kurt Kobain sono incomprensibili come le mosse tattiche giocate dal bianco: http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1045773. E’ complicato anche ricamarci sopra una bella telecronaca del tipo clamoroso allo Stadium, il bianco vince facile grazie a una incertezza della VAR. Le mosse di Tal sono semplici e oculate nella loro scelleratezza. Come soppesare una mossa come 15 f6!? Il nero forse si aspettava questa spinta di attacco? Un aspetto salta subito all’ occhio e cioé che tutto sommato i pezzi neri sono temporaneamente ripiegati sull’ ultima traversa a esprimere un potenziale limitato rispetto a un gioco di squadra che potrebbero orchestrare. E dopo 20 Ah6 come avrà cambiato la sua valutazione il nero? Avrà finalmente capito in guai seri, chiede social media marketing Umbria? Per le prestazioni di Tal e le sue best games vedere link http://www.chessgames.com/perl/chesscollection?cid=1005503. E ora passiamo a parlare di WEB FORMS per gli sviluppatori PHP che sono strumento o risorse messe a disposizione per consentire all’ utente di processare i dati, sottolinea social media marketing Umbria. Hai presente un modulo di LOGIN? Hai presente dettagli come nome , cognome, indirizzo, mail? Siamo dentro ai web form ma anche ai METODI che servono per processare e spedire queste informazioni. PHP offre un vasto campionariod i opzioni per gestire i FORM al meglio e non dimentichiamoci poi dell’ integrazione con JQuery ed Ajax che consentono un aggiornamento senza passare per il rendering della pagina. Passiamo a valutare con mano e a toccare un esempio pratico che social media marketing Umbria ha messo in piedi all’ indirizzo http://www.farwebdesign.com/php/Example8-webforms.html. Il tag FORM come si evince dalla gallery circoscrivono l’ambito di lavoro della spedizione dei dati e come tutti i tag HTML prevedono la solita apertura chiusura di rito. In una architettura client server, cioé all’ interno di un sistema dove qualcuno richiede e qualcun’ altro predisposto a rispondere, risponde, esistono due modi diversi di spedire i dati GET e POST. Coh get come si evince dal link di cui sopra le variabili transitano sopra la URL e sono visibili il che potrebbe essere un problema in termini di sicurezza, fa notare social media marketing Umbria, per questo spesso si usa il metodo (METHOD nello script) POST dove il tutto passa sotto silenzio in maniera coercitiva! HTTP per Definisce il protocollo di trasferimento ipertestuale come comunicano il server e il client. L’ & come simbolo separa le variabili nella stringa URL nel metodo GET. In uno dei prossimi articoli con social media marketing Umbria affronteremo la spinosa questione del perché l’uomo non sia ancora allunato su Marte (si fa per dire!).